ATTRACCO VIETATO

attracco vietato neil palomba

Costa Fortuna attracco vietato stamattina. Arrivata nell’isola thailandese di Phuket, non è stata autorizzata a far sbarcare equipaggio e passeggeri. Un provvedimento cautelare applicato dalla Thailandia per proteggersi dalla diffusione del coronavirus. Anche se a bordo, riferisce il direttore generale della Costa Crociere, Neil Palomba, non c’è nessun caso né sospetto né positivo di coronavirus. La presenza di 64 italiani a bordo su una nave, che porta complessivamente 1.631 passeggeri e 984 membri dell’equipaggio, sarebbe bastata a far negare lo sbarco.

Neil Palomba ha riferito con un video pubblicato sui social, smentendo alcune ricostruzioni di stampa. Non c’è nessun caso di coronavirus sulla nostra nave Fortuna, che è arrivata a Phuket stamane dopo aver avuto ieri le autorizzazioni richieste per approdare.

attracco vietato neil palomba

DISCRIMINAZIONE verso croceristi italiani

All’arrivo la nave non ha avuto le stesse autorizzazioni e le autorità non hanno permesso la discesa, nonostante non ci sia nessun caso né sospetto né positivo né su Costa fortuna né su nessun’altra nave della flotta.

Stessa sorte è toccata alla MSC Opera a cui è stato vietato lo sbarco a Malta. La nave si trova attualmente ferma in un porto greco. Sulla nave aveva viaggiato, fino allo scorso 28 febbraio, un passeggero poi risultato positivo al Covid-19. Le autorità sanitarie maltesi hanno negato l’ingresso alla nave da crociera MSC Opera, che aveva già ricevuto il no allo sbarco dalla Turchia. Ciò dopo che abitanti dell’isola hanno inscenato una protesta legata ai timori di infezione da coronavirus in seguito all’allarme lanciato da un media locale.

La compagnia in un comunicato ha precisato che la nave ora si dirigerà verso il porto di Messina e ha ribadito che “nessun passeggero o membro dell’equipaggio attualmente a bordo ha o ha avuto sintomi influenzali”.

Oramai è diventata una situazione insostenibile, in quanto, nonostante le assicurazioni delle nostre Compagnie, si sta creando una discriminazione verso tutti i croceristi italiani. Con la speranza che si plachi presto questa epidemia, in futuro dovremo ricordarci di tutto ciò.

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE – UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Seguici o condividi i nostri articoli sui SOCIAL