IL SETTORE RISCHIA DI NON RIPRENDERSI PIU’

Consiglio dei Ministri - sala

Il Consiglio dei Ministri dovrà decidere in fretta. Le crociere rappresentano uno dei settori più colpiti e rischiano una ripresa a lungo termine. Secondo Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti “Senza una ripartenza in tempi strettissimi, il settore delle crociere rischia di non riprendersi più”.

Consiglio dei ministri

Il vertice di Fedepiloti esprime il proprio augurio affinché la decisione del prossimo Consiglio dei Ministri del 31 luglio 2020, possa autorizzare la ripartenza delle crociere nelle date indicate più volte dalle Compagnie di navigazione e dalle Associazioni armatoriali.

Il settore delle crociere vale circa 48 miliardi di euro in Europa e 120 mila addetti che rischiano il post di lavoro. MSC e Costa aspettano con ansia di sapere quando potranno ripartire in sicurezza. 

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE – UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Seguici o condividi i nostri articoli sui SOCIAL
RSS
Follow by Email
Facebook0
Twitter20
Instagram0