FINALMENTE E’ TUTTO FINITO

costa diadema non voleva la luna

La Costa Diadema non chiedeva la luna. Finalmente è tutto finito per Costa Diadema dopo che tanti porti della penisola le avevano chiuso le porte in faccia. Il suo ritorno a casa è stato un incubo, avendo ricevuto il no per l’attracco a Venezia, Gioia Tauro, Civitavecchia e La Spezia. A bordo tanti italiani, tanti marittimi napoletani che hanno trovato l’accorato appello dei sindaci di Ischia e Procida, che avevano scritto alla ministra, affinché la nave trovasse un porto per accostare.

Nessuno scenderà a terra se non ci sono le misure di sicurezza, nessuno infetterà i territori perché chi non è stato colpito dal virus, sarà prelevato sottobordo e accompagnato verso il proprio domicilio. Gli altri, seguiranno il protocollo a bordo fino al termine della quarantena. Alla Diadema è stato negato tutto questo, fino a poco fa. Sono italiani e non bisogna abbandonarli. La Patria è una, nella buona e nella cattiva sorte. Sono mariti, padri, figli della nostra amata Patria. Nonostante si parli di navi da crociera battenti bandiera italiana, rimane sempre la paura da contagio, ma queste navi chiedono solo di poter toccare terra e rivedere la luce.

costa diadema non chiedeva la luna

NOSTRI CITTADINICosta Diadema non chiedeva la luna

Queste persone sono nostri cittadini, vanno aiutati e supportati in un momento particolarmente difficile. Lasciarli in alto mare è la peggior risposta che un essere umano possa dare. Rappresentano insieme alle altre navi della flotta Costa, l’orgoglio italiano in tutto il mondo. Finalmente la Diadema ha trovato un porto come Piombino ad accoglierla. Costa Crociere si è prodigata per il rimpatrio di tutti gli ospiti e parte degli equipaggi con un grande sforzo e sta continuando senza sosta anche in queste ore. Sperando di non dover assistere ad altri scenari come questi. Perché queste persone sono il cuore,del nostro Paese. E dobbiamo sostenerli a tornare a casa.

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE O UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Seguici o condividi i nostri articoli sui SOCIAL