COSTI EXTRA

Crociere ferme

Crociere ferme da due mesi con costi extra, per rimpatriare passeggeri e personale e un futuro d’incertezze, il settore cerca soluzioni con il Ministero di competenza per non precipitare.

DISCUTERE IL RILANCIO DEL SETTORE

Il presidente di Federlogistica-Conftrasporto Luigi Merlo chiede l’apertura di un tavolo per discutere il rilancio del settore che è totalmente ignorato. Sottolinea che buona parte del destino della cantieristica navale italiana sia legato proprio a questo comparto. Lamenta la mancanza di sostegni da parte del ministero del Turismo. Le compagnie si stanno organizzando con significativi investimenti per garantire crociere sicure e innovative, ma hanno bisogno di risposte. A partire dalla necessità di confrontarsi al più presto per condividere un protocollo per la ripartenza. Quest’anno in Italia, prosegue, sarebbero dovuti arrivare 13 milioni di passeggeri. Inoltre, ci sono alcune città, come Civitavecchia, che vivono di crociere e oggi sono in ginocchio.

ALLARME per Crociere ferme

Intanto Costa Crociere sta pensando di non rinunciare alla stagione estiva 2020. Con 14 navi tutte battenti bandiera Italiana, con un numero minimo di personale a bordo, così da rendere possibile una veloce ripartenza qualora la compagnia decida di proporre degli itinerari dal mese di luglio, ragionando sull’ipotesi di limitare al solo territorio nazionale gli itinerari. Potrebbe essere un ottima idea ma non tutte le compagnie potranno legalmente operare in questo modo. Solo Costa potrà proporre eventuali crociere made in Italy, poiché l’intera flotta batte bandiera italiana.

Mentre Msc Crociere ha attualmente nel mediterraneo una sola nave europea con bandiera Maltese, mentre le altre battono bandiera Panamense e quindi non potrebbero effettuare cabotaggio in Italia.

Il gruppo Grimaldi ha stabilito che i suoi traghetti potranno viaggiare solo al 50% della capienza, una decisione che limita i posti ma che rende più facile il rispetto del distanziamento sociale a bordo. I passeggeri dovranno essere convinti che ci si può imbarcare senza rischi.

Allarme

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Seguici o condividi i nostri articoli sui SOCIAL
RSS
Follow by Email
Facebook0
Twitter20
Instagram0