fbpx
mercoledì, Ottobre 20, 2021
spot_img
HomeCuriositàLa leggenda della sirena Parthenope: Così nacque Napoli

La leggenda della sirena Parthenope: Così nacque Napoli

Seguici sui nostri canali social

Le due versioni della leggenda

La leggenda della sirena Parthenope

La leggenda di Partenope. L’origine di Napoli è legata a miti e racconti molto antichi. Neapolis, fondata dai greci nel IV secolo a. C. Perla indiscussa del Mediterraneo. Per sapere come è nata Napoli dobbiamo andare indietro nel tempo di circa 3500 anni.

Prima versione

Leucosia, Partenope e Ligea, figlie di Acheleoo, erano tre bellissime ninfe compagne di giochi di Persefone. Un giorno mentre le fanciulle si trovavano tutte insieme, Persefone venne rapita da Ade, dio degli Inferi. Quando seppe dell’accaduto Demetra, madre di Persefone, come punizione per non aver tentato di impedire il rapimento trasformò le tre sorelle in sirene con la condanna di vivere in solitudine a Sirenuse la zona dei tre scogli. Le tre Ninfee non accettarono la punizione e così Partenope e Leucosia si gettarono dalle rupi scomparendo nella profondità degli abissi. Ligea, che vide le sue sorelle mettere fine alla loro esistenza, si rese conto che la sua vita non aveva più senso senza di loro e si gettò tra le onde del mare in tempesta.

Leucosia, finì sul litorale di Poseidone (Paestum), mentre Partenope fu spinta nel Golfo di Napoli, dando origine alla città. Nel golfo di Napoli il suo corpo fu scoperto da alcuni pescatori, ma il suo corpo si dissolse tramutandosi nella forma del paesaggio napoletano, con il capo adagiato ad oriente, verso Capodimonte, mentre il piede, ad occidente, verso il promontorio di Posillipo.

Seconda versione

Si racconta che nell’ottocento la leggenda di Partenope mutò ancora. Si dice che la bella sirena Partenope si innamorò di un centauro dal nome Vesuvio.  Un amore che scatenò l’ira di Zeus. Il dio Greco, accecato dalla gelosia,  trasformò Vesuvio in un vulcano ai confini del golfo e la bella Partenope nella città di Napoli. In modo che lo potesse sempre vedere senza mai poterlo toccare. Infatti la sua testa ha la forma della collina di Capodimonte e la sua coda si posa lungo la collina di Posillipo. Ecco perché la città di Napoli, in antichità, era conosciuta come Partenope.

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE – UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Newsletter

ARTICOLI CORRELATI
- Pubblicità -spot_img

Più Letti