Navi da crociera

È stato confermato che non ci saranno più partenze dalle navi da crociera senza aver prima riscontrato la negatività al tampone e l’assenza di sintomi da coronavirus di equipaggi e passeggeri. Lo dichiara il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino. La partenza del personale verso l’aeroporto di Fiumicino per l’imbarco potrà essere garantita esclusivamente in presenza del volo autorizzato al decollo e all’atterraggio nei Paesi di destinazione. Ciò per evitare che all’ultimo momento ci sia un pernottamento nelle strutture alberghiere locali.

L’imbarco dei 156 filippini non è confermato, quindi rimarranno imbarcati sulle navi da crociera. I 41 ucraini, invece, ospiti dell’Hotel Mercure di Fiumicino dovrebbero partire entro un paio di giorni con un pullman con altri connazionali già collocati in altri Comuni.

Navi da crociera

Nel pomeriggio si è anche svolta in videoconferenza una discussione tra i capigruppo e i consiglieri comunali sulla situazione delle navi da crociera ospiti negli alberghi sul territorio. I Presidenti dei gruppi consiliari hanno prodotto un documento con cui si impegnano a chiedere che il personale delle navi, fino a quando non avrà il nullaosta sanitario per il viaggio, rimanga imbarcato. Inoltre è vietato il transito di passeggeri e personale non italiano senza nullaosta. E’ vietata l’accoglienza di nuovi ospiti dalle navi da crociera. In alternativa, che siano chiuse le strutture alberghiere del territorio di Fiumicino. Ciò fino al periodo delle misure di contenimento previste dal Decreto della Presidenza del Consiglio. 

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE – UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Seguici o condividi i nostri articoli sui SOCIAL