LA FORMA DELLO SCAFO

E’ studiata sulle caratteristiche del motore e permette di solcare le onde a una velocità di circa 50 km orari. Ma tutto questo non sarebbe stato possibile senza il lavoro pioneristico dell’ingegnere William Froude, che nel 1870 affronta questo problema. Una struttura che rappresenta l’intero punto di svolta delle prove di idrodinamica.
Fu il primo ad applicare sperimentalmente le leggi della similitudine meccanica allo studio della resistenza al moto delle carene e della loro propulsione.

ESPERIMENTI

E’ nella sua abitazione di Torquay che realizzò la prima vasca navale della storia. La vasca era lunga 76 metri e permise finalmente a William Froude di condurre test precisi a velocità controllata.
I modellini in scala vennero montati su un carrello e trascinati in acqua dalla forza a vapore, permettendo così di calcolarne la resistenza.

I MODELLINI IN SCALA

Tutti diversi tra loro ma zavorrati tutti allo stesso modo. Trainati da una corda collegata a uno strumento che misurava la forza applicata, tutti i modellini creavano un increspatura tranne uno, quello affusolato. Anche se Froude aveva intuito l’importanza dello scorrimento dello scafo nell’acqua, solo molto dopo, quando riuscì a misurarlo, rivoluzionò il modo in cui si costruivano le navi.

LA SVOLTA

Avvenne quando Froude comprese di poter utilizzare una formula per collegare, la resistenza di un modello all’avanzamento nell’acqua di una vera nave. Una formula ingegnosa che prende ben presto il nome di numero di Froude.

IL NUMERO DI FROUDE

Può essere utilizzato per confrontare un modello in scala di una nave e di conseguenza poterne calcolare la resistenza all’abbassamento nell’acqua e la potenza del motore.E’ stata questa scoperta a rivoluzionare il mondo della caratteristica navale.

Negli ultimi decenni del 1800 l’innovazione di Froude da vita ad altri 46.000 diversi esperimenti e il suo lavoro pioneristico apre la strada alle centinaia di vasche navali in funzione nel mondo, molte delle quali sono state battezzate con l’acqua proveniente da quella prima vasca.

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE O UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Seguici o condividi i nostri articoli sui SOCIAL
RSS
Follow by Email
Facebook0
Twitter20
Instagram0