AdSP invoca la ripresa delle crociere

Protesta dei lavoratori

Protesta organizzata dai lavoratori portuali per denunciare l’esclusione del porto dalle rotte marittime e turistiche. Venezia esclusa dagli scali italiani scelti dagli armatori per far approdare le grandi navi. Ad oggi il porto di Venezia non è stato ancora reinserito tra gli scali programmati. Tutto ciò comporta perdite per centinaia di milioni.

Protesta dei lavoratori

Le crociere sono fondamentali per l’economia del nostro territorio. E’ quanto dichiarano i lavoratori portuali del settore crociere che si sono dati appuntamento oggi a punta della Dogana per manifestare contro il blocco delle navi da crociera in Laguna. Pino Musolino, commissario straordinario dell’AdSP, invoca la ripresa delle crociere. Puntualizza che l’ente si è già mosso per erogare i primi fondi destinati al sostegno dei lavoratori delle compagnie portuali.

Alessandro Santi, Presidente della Venezia Port Community fa presente che il recente DPCM da la possibilità al settore di riprendere i viaggi in crociera. La maggior parte dei lavoratori sta esaurendo gli ammortizzatori sociali e non può contare su alcun tipo di sussidio. Da qui l’appello dei lavoratori al governo: “È ora di decidere, nel rispetto della città e dell’ambiente ma anche del lavoro perché Venezia è una città che si è trasformata nel tempo ma è stata sempre inclusiva ed accogliente”.

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE – UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Seguici o condividi i nostri articoli sui SOCIAL