DELUSIONE

COSTA VITTORIA  CROCIERE NEL CUORE

Una delusione per i 2300 passeggeri a bordo di Costa Vittoria per il tour nelle isole greche, nell’apprendere la notizia di non poter fare scalo nell’isola di Corfù e far ritorno a Bari, a causa di ritardi nelle operazioni di attracco al porto di Atene. Un disagio che ha provocato inevitabili ripercussioni sulla tabella di marcia. Purtroppo le navi sono tenute a rispettare un calendario di crociere programmato, anche coinvolgendo migliaia di persone.

L’ATTRACCO

Solo con una comunicazione scritta, fatta circolare tra i passeggeri, il comandante della nave ha spiegato la decisione, determinata dal ritardo con cui le autorità Greche hanno concesso l’attracco al Pireo. Le operazioni di rifornimento hanno determinato un ritardo di cinque ore non più recuperabile e costringendo la nave a salpare dal porto di Atene alle 19 e non più alle 14 come era programmato dalla tabella di marcia, quindi addio Corfù e la nave è ripartita direttamente per Bari dove l’arrivo è previsto nella giornata odierna.

PROTESTE A BORDO

Proteste a bordo, i croceristi sono andati a protestare presso l’ufficio informazioni per la vacanza rovinata a causa della tappa saltata a Corfù. Poi si sono riuniti nei saloni e hanno invaso il teatro per una manifestazione di protesta.

IL COMANDANTE

Il comandante della nave, persona solida e affidabile con sorriso aperto e sguardo deciso, dice che Costa Crociere è sinceramente dispiaciuta per il disagio causato a tutti ospiti e ha offerto 200 euro di credito per cabina sulle spese di bordo, oltre al totale rimborso delle escursioni a Corfù che gli ospiti avevano già prenotato

 COSTA VITTORIA DI COSTA CROCIERE  CROCIERE NEL CUORE

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE – UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Seguici o condividi i nostri articoli sui SOCIAL