RIFIUTO ATTRACCO

La situazione su Costa Magica, in navigazione nel mare dei Caraibi, è pericolosa e va risolta il prima possibile. E’ la richiesta al ministro degli Esteri Luigi Di Maio di una madre di un marittimo a bordo della nave. Supplica di intervenire quanto prima in modo che possano rientrare in Italia, dove chi dovrà, potrà fare la quarantena in modo adeguato e non su una nave in mezzo al mare. I passeggeri di Costa Magica sono sbarcati tutti il 19 marzo scorso dopo casi di Coronavirus. Ma il figlio è lì con altri 970 membri dell’equipaggio, 130 italiani, che sono in parte febbrili e con sintomi di Covid-19. Oggi le persone con febbre in isolamento sono 88.

situazione pericolosa

RIFIUTO CUBA

La nave, dopo giorni di fermo al largo delle coste della Martinica, si è diretta verso Cuba che pareva potesse accogliere l’unità. Ma il governo cubano ha in un secondo momento rifiutato l’attracco di Costa Magica. La nave ora sta navigando verso Miami dove potrebbe essere consentito l’attracco anche se la situazione è in continua evoluzione. Costa sta da giorni collaborando con le autorità italiane e internazionali per trovare una soluzione nel più breve tempo possibile, con l’obiettivo di trovare un porto dove sbarcare alcuni membri dell’equipaggio per cure mediche e riportarne una parte a casa tramite voli aerei, prima di eventualmente affrontare la traversata transatlantica verso l’Europa.

Situazione pericolosa

FAVOLOSA

Magica e Favolosa, scrive la compagnia in una nota, sono in navigazione nel Mar dei Caraibi, con soli membri d’equipaggio a bordo. Costa Crociere sottolinea che la priorità della compagnia è di riportare a casa tutti i membri dell’equipaggio di queste due navi in assoluta sicurezza. Nel frattempo, la situazione medica a bordo è costantemente monitorata dal personale medico. Le navi hanno ricevuto materiale medico aggiuntivo. A bordo prosegue la nota, i protocolli di sicurezza sanitaria applicati prevedono l’isolamento di tutti i membri dell’equipaggio con una sistemazione in cabine con balcone e relativo room service. L’equipaggio riceve Internet gratuito per rimanere in contatto con le proprie famiglie e i propri cari. Purtroppo, le restrizioni imposte da molti paesi a seguito della pandemia globale di Covid-19 dichiarata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, rendono la situazione estremamente complessa e diversi Paesi dell’area a cui Costa aveva richiesto l’attracco hanno negato questa possibilità.

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE – UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Seguici o condividi i nostri articoli sui SOCIAL