DOVE MUOIONO LE NAVI

navi da crociere  crociere nel cuore

Ogni anno circa mille navi raggiungono la fine del loro ciclo di vita con la tecnica dello spiaggiamento. Vengono smantellate per recuperare l’acciaio e altri materiali.

In media un’imbarcazione commerciale, tra cui quelle da carico, le petroliere e le navi da crociera, dura trentanni prima di essere rottamata. Vi siete mai chiesti dove muoiono le navi, alla fine della loro carriera?

Generalmente nell’inferno di Chittagong, in Bangladesh. Questo tratto di mare di circa 20 Km è conosciuto in tutto il mondo come uno dei principali cantieri di demolizione delle grandi navi.

Intorno agli scheletri di vecchie petroliere, portaerei e navi passeggeri si avvicendano decine di lavoratori che, per una paga minima e in condizioni di lavoro precarie, scelgono tutto il materiale da riciclare.

Spiaggiamento a Chittagong

Il sistema dello spiaggiamento, essendo illegale in Europa, fa si che alcune compagnie cambiano bandiera alle navi, con una di comodo, e la spediscono in Asia.

SPIAGGIAMENTO – ANNO NEGATIVO

Il 2018 è stato un anno negativo per il numero di unità smaltite lungo le coste dell’Estremo Oriente. In questo contesto, però, l’Italia ha migliorato la sua posizione rispetto all’anno precedente. Mentre la maglia nera del 2018 va agli Emirati Arabi Uniti, con 61 navi demolite sulle spiagge asiatiche, seguiti da Stati Uniti, con 57 navi, e Grecia, con 53 navi.

smantellamento navi

Quelli del 2018 sono numeri scioccanti ha dichiarato Ingvild Jenssen dell’Ong Shipbreaking Platform. La demolizione navale deve avvenire rispettando l’ambiente marino, assicurando un corretto smaltimento dei rifiuti tossici, e garantendo sicurezza e salute per i lavoratori. Solo poche navi vengono smembrate in modo sicuro e sostenibile.

Nessun armatore può sostenere di non conoscere le condizioni dei cantieri che si trovano sulle spiagge asiatiche, eppure continuano a vendere le loro navi a questi demolitori sub-standard, perché sono quelli che pagano il prezzo più alto.

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE – UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE .

Seguici o condividi i nostri articoli sui SOCIAL