Archivio dei tag il petraio napoli

Luigi Ravnic DiLuigi Ravnic

ESCURSIONE fai da te NAPOLI

PORTO

La vista che offre l’ingresso della nave nel porto è uno spettacolo che lascia senza fiato tutti i croceristi. La sosta della nave è di 10 ore. Una volta attraccati al porto vi troverete già in città e come prima cosa fornitevi di una mappa cittadina che vi sarà molto utile per districarvi nelle strade di Napoli. Come tutte le grandi città, per visitare i siti più belli occorrerebbero diversi giorni, sopratutto nel caso di Napoli, sicuramente una delle città più belle al mondo. Perciò viene consigliato un percorso generale che può essere suddiviso in diversi itinerari “fai da te”.

Chi vuole “saltare” qualche sito, può utilizzare anche i bus cittadini o la metropolitana tenendo presente, COME IN TUTTE LE CITTA’ DEL MONDO, di usare precauzioni come: non ostentare oggetti di valore o cose similari. Vediamo quale potrebbe essere il tour ideale per visitare Napoli in crociera, riuscendo a godere dei luoghi più belli e interessanti della città.

Usciti dal terminal dirigersi sulla seconda strada a destra:

In piazza Municipio possiamo ammirare Castel Nuovo, più conosciuto con il nome di Maschio Angioino, imponente con le sue grandi cinque torri cilindriche e rappresenta uno dei simboli della città di Napoli. Attualmente il Maschio Angioino è sede permanente del Museo Civico dove si può visitare la Cappella Palatina, i cui interni furono affrescati da Giotto con il ciclo delle Storie del Vecchio e Nuovo Testamento e i sotterranei del castello dove si trovano la Fossa del Coccodrillo e la prigione dei Baroni. Costo ingresso: Intero € 6,00; Ridotto € 3,00.

Nei pressi dell’ingresso del Maschio Angioino c’è anche il famoso Teatro lirico San Carlo e di fronte al teatro c’è uno degli ingressi della splendida Galleria Umberto I.

A circa 1 Km dalla Galleria ci si trova a:

PIAZZA DEL PLEBISCITO

E’ la piazza simbolo di Napoli ubicata nel centro storico, tra il lungomare e via Toledo. Alle spalle della  piazza, il colonnato della Basilica di San Francesco di Paola fatta costruire da Ferdinando I.

di fronte, il Palazzo Reale con le otto statue dei principali re di Napoli: Ruggero II di Sicilia, Federico II di Svevia, Carlo d’Angiò, Alfonso V d’Aragona, Carlo V d’Asburgo, Carlo III di Spagna, Gioacchino Murat e Vittorio Emanuele II di Savoia. Il Re Vittorio Emanuele III lo cedette allo Stato nel 1919 ed attualmente è un museo, oltre ad essere sede della Biblioteca Nazionale. All’interno del Palazzo Reale si può visitare l’Appartamento Storico, il Teatrino di Corte, la Sala del Trono, la Sala di Mariacristina di Savoia e la Cappella Reale, che racchiudono capolavori d’arte prestigiosi realizzati dai più noti pittori del periodo borbonico.

Il Palazzo Reale è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00. Il sabato dalle 9.00 alle 14.00. Costo ingresso: € 6,00+€ 3,00 per visita guidata; Ridotto € 3,00. Ogni prima domenica del mese ingresso gratuito.

Da qui si prosegue per via Medina (1,3 Km) per raggiungere Piazza Monteoliveto (1,1 Km), dove c’è la bellissima fontana di Carlo II di Spagna e la Chiesa di Sant’Anna dei Lombardi. Sulla destra si imbocca Calata Trinità Maggiore che conduce a piazza del Gesù Nuovo (1,5 Km). Siamo già nella zona di:

SPACCANAPOLI (CENTRO STORICO)

“Spaccanapoli” è il cuore della città e il nome si comprende salendo sopra San Martino, da questo posto si vede come questa strada divide in due la città antica. La passeggiata inizia dai Quartieri Spagnoli e termina a Forcella. Questa strada ha origini antichissime, infatti è uno dei tre decumani (Le strade sono tre e scorrono parallelamente l’una dall’altra) in cui i romani organizzarono la città. Lungo il percorso potrete incontrare splendide chiese e famiglie che vivono nei bassi, artisti, artigiani e abusivi che vendono di tutto. Partendo da Piazza del Gesù, possiamo ammirare:

La Chiesa del Gesù Nuovo è uno dei più importanti esempi di pittura e scultura barocca in città ed al suo interno c’è il corpo di San Giuseppe Moscati. La piazza è caratterizzata dalla presenza di un’alta guglia in marmo, l’Obelisco dell’Immacolata. Proseguendo la passeggiata verso via San Biagio dei Librai, possiamo vedere:

MONASTERO DI SANTA CHIARA

Un Complesso Monumentale che comprende la Chiesa gotica (Sacro Corpo di Cristo, poi Santa Chiara), il monastero ed il convento. La struttura comprende anche uno splendido chiostro maiolicato, affreschi del ‘700 che coprono le pareti dei quattro lati del chiostro e rappresentano scene dell’Antico Testamento. Nel complesso si trovano anche un Presepe Napoletano di 700 e 800, il Museo dell’Opera e l’ Area archeologicaCosto ingresso: intero € 6.00; Ridotto € 4,50.

BASILICA SAN DOMENICO MAGGIORE

Giunti in Piazza San Domenico troviamo la Basilica di San Domenico Maggiore, che con il suo adiacente convento, costituisce uno dei più grandi ed importanti complessi religiosi della città. Da non perdere: La sala del capitolo; La luminosa Macchina delle Quarantore; Il Crocifisso miracoloso che parlò a San Tommaso D’Aquino; La leggenda della Madonna di Zi’ Andrea. La chiesa e il convento sono entrambi visitabili gratuitamente. Mentre per il Museo il costo è: Percorso standard: Intero € 5,00; Ridotto € 4,00. Percorso completo: Intero € 7,00; Ridotto € 5,00.

CAPPELLA SANSEVERO E CRISTO VELATO

Sempre nei pressi della Piazza San Domenico, in via Francesco De Sanctis, è situato uno tra i più importanti Musei di Napoli: La Cappella Sansevero (detta anche chiesa di Santa Maria della Pietà o Pietatella), oggi sconsacrata, ed è attigua al palazzo di famiglia dei principi di Sansevero.

La Cappella Sansevero è un importante museo, famoso per la scultura del Cristo Velato, di Giuseppe Sanmartino, che realizzò il corpo di Gesù ed il velo trasparente sul suo volto in un unico blocco di marmo. La scultura, secondo molti critici d’arte è la più bella mai realizzata, mentre la leggenda racconta che il velo di marmo sul corpo del Cristo, sia in realtà un velo in tessuto, trasformato in marmo grazie ad uno liquido composto dal Principe di San Severo, famoso alchimista. Nel sito ci sono decine di altre sculture tra cui spiccano le Statue della Pudicizia e dell’Inganno e le Macchine Anatomiche. Il soffitto ha un bellissimo affresco del 1749, i cui colori ancora oggi sono molto vividi, caratteristica attribuita alle presunte capacità alchemiche di Raimondo di Sangro. Giorni feriali: 09.30-­18.30; Chiuso il martedì. Costo ingresso: Intero € 7,00; Ragazzi € 5,00.

A 6/700 metri troviamo via San Gregorio Armeno che è la strada più caratteristica del centro storico e più famosa al mondo per la presenza di artigiani che fabbricano pastori per il presepe.

In fondo alla strada c’è Piazza San Gaetano dove c’è anche l’ingresso alla Napoli Sotterranea.

NAPOLI SOTTERRANEA

La città di sotto è piena di grotte e cunicoli che è servita ai napoletani in diversi modi: da rifugio durante i bombardamenti, da discarica fino ad essere un luogo in cui si nascondevano i malviventi. Oggi è possibile visitarla su due percorsi principali: da Via dei Tribunali con la visita che attraversa l’acquedotto greco-romano, i rifugi antiaerei, il Museo della Guerra, gli orti sotterranei e la Stazione Sismica “Arianna”. La visita al vicino Teatro romano di Nerone è del tutto particolare, infatti vi si accede da un’abitazione privata, spostando un letto sotto cui è nascosta una botola. La Galleria Borbonica, un viadotto sotterraneo che univa il Palazzo Reale con piazza Vittoria, era una via di fuga verso il mare per i sovrani. Costo ingresso: Intero € 10,00; Ridotto € 6,00.

Passando per via dei Tribunali e vico Carbonari, 600 metri ci si trova al:

DUOMO E IL TESORO DI SAN GENNARO

Lungo via Duomo compare maestosa la facciata del Duomo di Napoli, la casa di San Gennaro, dove tre volte l’anno: la prima domenica di maggio, il 19 settembre e il 16 dicembre si può assistere al “miracolo di San Gennaro”, cioè la liquefazione del sangue del Santo custodito in una ampolla. Un evento, a cui da sempre i napoletani attribuiscono un significato benaugurante. La Cappella e il tesoro sono la prova di questo amore per “Faccia Gialla”, il nome con cui i napoletani chiamano il Santo.

Il Tesoro di San Gennaro ha trovato spazio in un luogo accanto al Duomo e raccoglie reliquie e oggetti preziosi. Il Tesoro comprende anche statue, candelabri e argenti vari, che i devoti hanno protetto durante i numerosi saccheggi della città. Il Duomo è abbellito dai dipinti di Luca Giordano che raffigurano gli Apostoli, i Padri e i Dottori della Chiesa.

Museo del tesoro, il costo di ingresso varia a secondo dei percorsi scelti: singolo e piccoli gruppi € 8,00; percorso n° 1( solo museo) gruppo di almeno 25 persone € 5,00. Percorso n°3 (Museo e Duomo) gruppo € 7,00.

MUSEO ARCHEOLOGICO

Nei pressi di Via dei Tribunali c’è il Museo Archeologico, uno dei più importanti nel mondo per la qualità e la quantità delle opere che custodisce come i reperti e le opere dell’epoca romana, nonché il sito con il più ricco patrimonio d’Italia di opere archeologiche. E’ diviso in tre sezioni principali: la Collezione Farnese, le Collezioni Pompeiane e la Sezione Egizia. A queste si aggiungono la Sezione Topografica dalla Preistoria, le Collezioni Epigrafica e Numismatica, la Stazione Neapolis ed il Salone della Meridiana. Da visitare il “Gabinetto segreto” che raccoglie affreschi e sculture antiche dedicate al tema dell’erotismo. Costo ingresso: Intero € 15,00; Ridotto € 7,50.

Dal Duomo per ritornare al terminal crociere bisogna percorrere circa 3 Km, passando per corso Umberto I, ma dopo una giornata estenuante conviene servirsi dei bus cittadini. Per i fondisti, invece, sarà un ulteriore allenamento.

ESEMPIO DI PERCORSO ALTERNATIVO

Chi volesse passeggiare per il lungomare Caracciolo e visitare Castel dell’Ovo, il percorso consigliato è: da terminal crociere a Piazza Municipio, proseguire per Piazza del Plebiscito (700 metri) e da li a Riviera di Chiaia (circa 3 km). Si è sul:

LUNGOMARE

Il lungomare di Napoli è una bellissima passeggiata di 3 km che parte da Santa Lucia, da via Nazario Sauro, e arriva fino a Mergellina, dove finisce via Caracciolo, costeggiando uno dei panorami più belli del mondo. Per un tratto costeggia la Villa Comunale ed affaccia sul Golfo, consentendo di ammirare in lontananza il Vesuvio, le isole di Ischia, Capri e la penisola sorrentina.

CASTEL DELL’OVO

Sorge sull’isolotto di Megaride ed è il castello più antico di Napoli. Al suo interno, la Sala delle Colonne della villa romana di Lucullo, le terrazze con i cannoni spagnoli, le Torri Maestra e Normanna e le sale dei monaci. Il castello è molto suggestivo e dalle terrazze e dalle torri si gode di uno stupendo panorama. La zona è chiamata Borgo Marinari. Ingresso gratuito.

MUSEO DI CAPODIMONTE

È la più importante pinacoteca di Napoli dove si possono ammirare varie collezioni. Il museo occupa tre piani: al primo piano la collezione Farnese con opere di Tiziano, Masaccio, Botticelli, Raffaello, Brueghel il Vecchio e tanti altri; l’Appartamento storico.

Al secondo piano la Galleria Napoletana con la Flagellazione di Cristo del Caravaggio ed opere di Ribera, Goya, Pinturicchio e Vasari.

Al terzo piano è esposta la sezione di Arte contemporanea con capolavori di artisti di fama internazionale: Andy Warhol, Mimmo Jodice, Alberto Burri, Mario Merz, Joseph Kosuth, Enzo Cucchi, Michelangelo Pistoletto.

Il Museo è circondato dal Real Bosco con cinque lunghi viali principali e con centinaia di alberi secolari.

REAL BOSCO

Aperto tutti i giorni tranne il mercoledì dalle 8.30 alle 19.30. Il costo ingresso è: Intero di € 12,00; Ridotto: € 8,00 per visitatori di età compresa tra 18 e 25 anni. Gratuito inferiore ai 18 anni. Il Museo di Capodimonte si trova a via Miano ed è raggiungibile dal Centro Storico in pochi minuti di bus. In piazza Museo prendere la linea 168 e 178.

STAZIONE TOLEDO – METRO DELL’ARTE

Toledo è una delle Stazioni dell’Arte della metropolitana di Napoli, considerata la più bella d’Europa è molto suggestiva perché è illuminata da grandi lucernari. Con due grandi mosaici in stile pompeiano, scendendo le scale mobili, si ci si trova nella cosiddetta galleria del mare. I corridoi sono decorati con mosaici a tema acquatico e con pannelli che riproducono il movimento delle onde. Il percorso può partire dalla Stazione Garibaldi, si giunge a Università, Municipio e poi Toledo. Un percorso unico nel mondo, da non perdere.

CERTOSA DI SAN MARTINO

La Certosa è anche Museo Nazionale Italiano. L’attuale ordinamento della Certosa, mantiene intatta la corretta percezione del luogo religioso e in un itinerario museale che alterna testimonianze della storia di Napoli e della chiesa a panorami mozzafiato percepibili da loggiati, belvederi e giardini. Con questi cambiamenti, la Certosa di San Martino ha arricchito il suo patrimonio artistico, storico e architettonico fatto di marmi, sculture, affreschi e dipinti. La Cappella del Tesoro ha veri capolavori come la Pietà di Ribera, e nella volta il Trionfo di Giuditta di Luca Giordano. Orari: Lun-Mar-Gio-Ven-Sab-Dom 8.30/19.30. Chiuso il mercoledì.
Costo ingresso: Intero € 6,00; Ridotto: € 3,00. Ingresso gratuito ogni prima domenica del mese.

CASTELLO DI SANT’ELMO

Accanto alla Certosa si erge il Castello di Sant’Elmo, un castello medievale, adibito a museo e proposto come centro polifunzionale rivolto ad ampliare sia il mondo della cultura con la ricca fototeca e biblioteca di storia dell’arte “Bruno Molajoli”, che quello dello spettacolo con un auditorium dove si svolgono concerti, rappresentazioni teatrali e cinematografiche. E’ uno dei luoghi più amati dai napoletani che salgono quassù per abbracciare in un solo lo sguardo Napoli e l’intero golfo. 

Per la Certosa e il Castello:
Metro: linea 1 fermata VANVITELLI

Bus ANM: linea V1 fermata PIAZZALE SAN MARTINO

ESCURSIONI NEI DINTORNI

Pompei, Ercolano, il Vesuvio, Sorrento, Positano, Amalfi, Ischia, Capri, Procida e tanto, tanto altro ancora.

PARTENZA DA NAPOLI

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE – UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Immagini Instagram

Translate »