CITTA’ DI TANGERI

Tangeri - panorama

Tangeri si trova nel nord del Marocco, sulla punta più settentrionale del Paese, sullo stretto di Gibilterra, a soli 16 chilometri dalle coste spagnole. Si affaccia da una parte sull’Oceano Atlantico, e dall’altra sul Mar Mediterraneo. La città è stata uno strategico punto di passaggio tra Africa ed Europa fin dai tempi dei fenici. E’ una città cosmopolita e vivace costruita ad anfiteatro intorno al porto. “La città bianca” è situata in una baia in cui miti e leggende narrano che ci fossero le Grotte di Ercole. Il dirham è la moneta del Marocco codice MAD. 1€ = 10.692 MAD

PORTO DI TANGERI

Sono 2 i porti di Tangeri: porte di detroit, situato in centro, ed il nuovo e tecnologico porto di Tanger Med situato circa 40 Km dalla città.

porto di Tangeri

Si è concluso a giugno 2019 l’ampliamento di Tanger Med 2, la piattaforma aggiuntiva che rende l’intero Tanger Med Port Complex l’unico porto extraeuropeo con la qualifica di Eco Port. La sua attività principale è il trasbordo di container, seguita dalla movimentazione croceristica, con 7 milioni di turisti l’anno. l’Italia ha il suo ruolo attraverso l’attività croceristica con Costa Crociere, Msc Crociere, Grandi Navi Veloci e Grimaldi Lines. La sosta al porto varia dalle 6 alle 12 ore, dipende dalla Compagnia croceristica scelta.

lungomare di Tangeri
lungomare di Tangeri

Se la nave attracca alle Porte di Detroit, che dista dal centro 1.4 Km, fuori dal molo troverete i taxi in attesa e se organizzati dalla compagnia di crociera anche dei bus navetta. Un’altra opzione è contrattare con un taxi dal porto per un tour “guidato” sulla base del tempo che hai a disposizione. Se hai l’intera giornata puoi valutare anche l’ipotesi di spingerti fino ad Asilah, una pittoresca cittadina bianca e blu sull’oceano.

GRAND SOUQ – TANGERI

Tangeri - Grande socco

Arrivati al centro vi ritroverete al Gran Socco, il centro pulsante della città, una vasta piazza di forma irregolare e punto di confine tra la medina, che si sviluppa attorno al Petit Socco, e la Ville Nouvelle. Il Grand Socco, letteralmente “grande piazza”, ospita il più grande mercato permanente della città e vi potete trovare di tutto: dagli oggetti di antiquariato a quelli dell’artigianato locale, come le teiere intarsiate, le babbucce colorate, tappeti, borse e oggetti in pelle.

Tangeri - Grande Moschea di Sibi Bou Abib
Moschea di Sidi Bou Abib

La piazza è sovrastata dal minareto della Moschea di Sibi Bou Abib, mentre alla sua sinistra si scorge la Chiesa di St. Andrew, al cui interno dei bellissimi giardini lussureggianti mostrano un misto tra sobrietà anglicana e ricchezza decorativa marocchina.

Chiesa di St. Andrew

Sul Gran Socco si affacciano i Giardini Mendoubia, dove è possibile ammirare un albero Banyan di 800 anni.

Tangeri - Giardini Mendoubia

Da qui, attraverso Rue Semmarine, è possibile entrare nella Medina: prima, però, visitate il mellah, il vecchio quartiere ebraico.

MEDINA DI TANGERI

La Medina, un labirinto di stradine che si intrecciano sulla collina che domina il porto dove si trova una Kasbah, sezione fortificata che domina la città vecchia e che si staglia sulla sommità di una scogliera a picco sul mare.

Kasbah

Nelle vicinanze della piazza del Piccolo Socco si trova la Grande Moschea, trasformata in chiesa e poi di nuovo in moschea nel 1684. La Ville Nouvelle, al centro della quale si trova Place de France, che con i suoi tanti locali e negozi è meta per i giovani ma anche per gli amanti dello shopping.

La Ville Nouvelle - Tangeri
La Ville Nouvelle

La Moschea della Kasbah è caratterizzata da un minareto ottagonale in maiolica policroma.

Moschea della Kasbah

nella città vecchia sorgono vicine la Chiesa dell’Immacolata Concezione, fatta costruire nel 1880 dagli spagnoli, e la Residenza del mendoub, un tempo il rappresentante del Sultano, punto di contatto tra il sovrano marocchino e le delegazioni diplomatiche europee.

MUSEO DELLA LEGAZIONE AMERICANA

Museo della Legazione Americana - Tangeri

L’American Legation Museum è un palazzo a cinque piani dove venne ospitata dal 1821 al 1961 la sede diplomatica degli Stati Uniti. Oggi custodisce un’importante collezione di antiche carte geografiche e opere artistiche di Delacroix, Kokoschka, Saint-Laurent. Inoltre espone una raccolta di monili, opere, testimonianze del periodo storico quando ha ospitato personaggi famosi. Al suo interno vi è anche una sala dedicata a Paul Bowles con lettere, dipinti e disegni originali. L’ultimo piano è dotato di una vetrata che permette al visitatore una vista a 360 gradi.

DAR EL MAKHZEN

Nella Kasbah sorge il Palazzo del Sultano, il Dar El Makhzen, superba dimora affacciata sul mare, con le volte di marmo, i soffitti di cedro e le superbe decorazioni in maiolica, ospita il Museo delle Arti del Marocco ed il Museo delle Antichità. Il Museo d’Arte Marocchina è ricco di bellissimi mosaici e statue di bronzo riportate alla luce da siti archeologici Romani ed ospita alcuni Corani miniati, tessuti, legno e metalli intarsiati, tappeti berberi, gioielli e ceramiche. 

Museo Forbes

Il Museo Forbes, fondato dall’editore americano della famosa rivista, espone una ricca collezione di soldatini di piombo che rievocano le grandi battaglie della storia. Dopo la morte dell’editore, la proprietà è stata messo in vendita ed è ora di proprietà del governo del Marocco come residenza per dignitari in visita.

CAP SPARTEL

Subito fuori Tangeri, a 14 chilometri ad ovest della città, nell’area chiamata Cap Spartel, si trovano le Grotte di Ercole, luogo di grande bellezza e di importanza archeologica.

LE GROTTE DI ERCOLE

Le Grotte di Ercole sono diventate il sito geografico più attraente per il turismo nazionale ed internazionale in Marocco. Il tunnel sotterraneo si estende per una lunghezza di 30 chilometri. Le grotte suscitano un senso di smarrimento e di avventura, infatti appena si entra si è accolti da un’aria generata dai movimenti delle maree, dai venti e dalle onde che si infrangono sulla roccia.

La natura ha scolpito nella roccia una cavità che sorveglia l’Oceano Atlantico, non lontano dallo Stretto di Gibilterra, dove il Mar Mediterraneo incontra l’Oceano. Una splendida finestra, scolpita con millenni di lavoro dalla natura, riporta l’immagine della cartina geografica del continente africano.

ASILAH

Se cerchi un posto pittoresco, senza musei o palazzi da visitare ma con una Medina fascinosa e con spiagge superbe subito fuori città allora la bianca Asilah è la destinazione giusta. Dista da Tangeri 42 KM 

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? LASCIA IL TUO MI PIACE – UN TUO COMMENTO O UNA CONDIVISIONE.

Seguici o condividi i nostri articoli sui SOCIAL
RSS
Follow by Email
Facebook0
Twitter20
Instagram0